Perchè Manonmani

MANOnMANI è un luogo fatto di cura dei dettagli, di sfumature e odori che accarezzano il cuore, di suoni e armonie che nutrono l’anima, un luogo dove tutto può accadere, uno spazio aperto multiculturale di accoglienza e condivisione, di amore per l’arte in tutte le sue forme, ma soprattutto di Amore per lo Yoga in tutte le sue declinazioni.

Un luogo dove praticare yoga, diviene possibile a tutte le età dalle mammine in attesa, ai bimbi dai 4 ai 100 anni.

Perché per noi è importante il benessere di tutti i nostri allievi e fare in modo che le pratiche si adattino a loro e per loro siano fonte di gioia e benessere.

Chi siamo

Manonmani nasce da un sogno, un sogno che si è nutrito dell’amore per un arte antica e preziosa, come lo Yoga, fino a trasformarsi in un progetto che pian piano ha preso vita insieme a tutti coloro che hanno creduto in questo sogno facendone un cammino di vita, andando a nutrire e sostenere con il loro impegno questa fervida realtà, questo spazio in movimento ed apertura, un microcosmo di idee e di significati che desidera crescere nel fluire dell’armonia universale.

Un percorso di realizzazione umana e spirituale per tutti coloro che ne vogliano fare autenticamente parte.

MANOnMANI è uno spazio sospeso isolato dai rumori e dal caos della città, pur trovandosi nel centro di Bitonto in provincia di Bari, dimora nella suggestiva cornice dell’antico Palazzo Ferrara, risalente ai primi dell’ottocento e progettato dal famoso architetto Castellucci.

Il centro dispone di due attrezzate e luminose sale yoga e di una calda e accogliente sala da tè dove sembra che il tempo si fermi.

A partire da dove è ubicato, tutto a MANOnMANI è ricco di significati dall’antico sapore ed è impregnato di ancestrali saggezze.

Culture lontane, sapori speziati, odori inebrianti, maestri che trasmettono preziosi e millenari insegnamenti con cura e dedizione nei confronti di allievi che scoprono non solo la gioia di imparare lo yoga, ma anche il piacere di dare e di condividere un cammino di crescita.

Manonmani è un luogo fluido dall’esotica personalità, contenitore multiculturale versatile che ben si presta come luogo ideale per eventi quali seminari, corsi settimanali di yoga, corsi di formazione per insegnanti di yoga, corsi di formazione per Trattamenti benessere con il suonopratiche di meditazione, cerimonie del tè, letture di poesie, presentazioni di libri e  tanto altro ancora.

Le recensioni

Attesa, il segreto che si è disvelato alla mia persona attraverso lo yoga… è “imparare a non avere fretta”, la bellezza di questa forma d’arte la si coglie nel cammino, nei tempi dettati dalla lentezza, nel percorso che si compie per giungere alla realizzazione di un’asana, un percorso, tuttavia, mai concluso e sempre in divenire perché sempre aperto alla trasformazione.
Maria Concetta Rossiello

È giunto il momento
Di sperimentare nuovi spazi dell’Essere
Di cogliere la profondità del proprio intuito
Di fare della ragione una Ragione plurale e molteplice.
È giunta l’ora
Di dar voce alla pienezza delle pulsazioni dell’anima
Di ascoltare la risonanza del respiro vitale
Di riconoscere l’altro che è in me, di accoglierlo e abbracciarlo.
Sento che è il tempo dell’ Armonia.
Mari Concetta R.

Lo yoga è un distributore di emozioni, almeno questa è la mia esperienza;
sperimentando le varie asana, ho sentito la paura amplificarsi in alcune
asana invertite, la rabbia incrementarsi in alcune asana che portano il
corpo in sforzo e tensione, ma anche la protezione nelle asana con il corpo
compatto e raggomitolato, la liberazione nelle torsioni, la quiete e serenità
nelle sospensioni e la gioia nel canto “Om Shanti”
Daniela Lovascio

…Ora potrei star qui per ore a spiegarvi che bella scoperta sono stati per me alcuni mantra, non solo per le parole che con armonia sanno aprire la propria anima all’universo, sanno accogliere in se le diverse manifestazioni dell’assoluto, ma anche per le energie che quelle vibrazioni sanno infondere al mio essere, a prescindere dalla religione e dal proprio credo, alla esplosione di luci e colori che ho potuto vedere con la semplice aggiunta di alcune mudra…(spettacolo)!Capire e vivere sulla propria pelle come ogni piccola parte di noi, anche il semplice sfiorarsi delle nostre dita che ogni giorno si muovono,toccano e percepiscono possa sbloccare certi canali che ignoriamo, sapere che ogni mudra è come una finestra capace di farci scorgere alcune cose, farci sentire profumi e correnti o isolarci e proteggerci è stato per me molto entusiasmante.
Marlene Panagulis

La strada del risveglio ha inizio
Laddove apriamo il nostro cuore allo spazio del mondo.
Laddove comprendiamo che il nostro non è un sentiero rettilineo ma ondoso
E che in quelle onde si cela la creatività dell’essere.
I nostri movimenti, se ben indirizzati ed ascoltati, possono aprirci a spazi inesplorati,
il nostro corpo è lo scrigno in cui la Natura prende forma.
MC

Grazie per questo percorso ricco di colori, suoni, odori, forme, sensazioni … ricco di autunni e primavere interiori.
NAMASTE’
Angela Maselli

…sembrerà assurdo, ma trovarsi difronte ad un’emozione e leggerne i colori, gli odori e le vibrazioni può essere commovente e stranamente ciò che più mi veniva spontaneo ripetere dentro di me è stato: GRAZIE.
Daniela Lovascio

Lo Yoga in Danza attraverso la rottura degli schemi, gli allineamenti del corpo, il lavoro con i microtoni, fa in modo che le tensioni vengano allentate. E’ in questo momento che “il fare viene da noi” ovvero avvengono passaggi importanti come il riconoscimento di sé, il “lasciare andare”, la presenza mentale e l’intuizione; lo spazio creativo creatosi intorno a noi a sua volta, si connette col Sé universale. Questa è l’armonia, la beatitudine, l’eternità che si raggiunge.
Le asana in tutto questo hanno un ruolo chiave se stabili e mantenute con un certo confort.
E’ dall’espressione del trascendente che prende vita la forza spirituale della trasformazione e quindi della guarigione.

Floriana Sannicandro

Era la prima volta che la classe cantava assieme.
Questo non ha impedito, però, di generare un’unica vibrazione.
Un’onda D’armonia si è liberata attraverso il nostro canto.
Lo Yoga in Danza celebra questo: L’Armonia.
Un Armonia dai mille colori, suoni e odori.
Presente ovunque nell’Universo, e presente dentro di noi.
Questo percorso di studi ci permette di scoprire la nostra Armonia Personale, e ad imparare a Danzare con essa, affinché il nostro diventi esempio e una guida anche per gli altri.
Angela Maselli

Questo seminario ha per me il titolo de “La Semina” poiché ha lasciato in me tanti spunti di riflessione, ha aperto nel mio cuore e nella mia testa curiosità, determinazione e volontà di approfondire i temi trattati. La pratica mi è entrata dentro letteralmente. Ho compreso che lo spazio di massima espressione del mio essere si dispiega nella pratica tantrica. Pratica che, forse, da sempre abita in me ma che oggi scopro nel senso e nel significato. Ho avvertito un senso di connessione con la natura, punti di contatto con una libertà pura e non invadente. Ho sentito, per alcuni attimi, che il mio io potesse spingersi oltre, ho sentito di essere una ricercatrice…sentire, agire, sperimentare, emozionarsi, comprendersi, accogliere sono le azioni scaturire dalle pratiche di queste due giornate. La connessione che si fa sempre più potente tra mente, corpo e anima di ciascuno e dell’universo intero trova la sua giustificazione anche in quel che è stato l’approfondimento sul sistema nervoso. Tutto è connesso. Tutto è relazione. Ed io mi sento felice nel sentirmi parte di questa Unione.
Namaste 🙏🏾
Maria Concetta

In conclusione: è come se un nuovo senso si fosse aggiunto al mio corpo,
la Coscienza, non solo rivolta a me stessa per etica morale sul mio comportamento, ma come strumento per la mia crescita, non solo per relazionarmi con gli altri, ma per condividere il benessere ed amplificarlo all’infinito, non solo per giudicare,ma per valutare come poter agire ed aiutare il prossimo.
Daniela Lovascio

Il morbido e dolce profumo che avvolge lo yoga mi inebria, mi induce a seguirlo, non mi basta mai, sento di voler riempire i miei polmoni di questo affascinante profumo. E’ Amore!
Ed io mi sento in una perfetta unione con me stessa, in unione con il Sè, pronta ad affrontare con coraggio gli ostacoli presenti sul mio sentiero e con la forza e l’energia necessaria per proseguire su questo cammino!
Angela Maselli

Potrei parlare del sereno benessere che ho assorbito durante la pratica. Un tipo di pratica morbida e senza scossoni, accogliente e direi affettuosa, capace di accompagnarci con naturalezza in ogni asana. Ho sentito profondamente quel sereno benessere. Ho realizzato che mi trovavo nel posto giusto, al momento giusto. Non saprei dire, però, se quest’ultima consapevolezza sia stata una razionalizzazione del senso di benessere che stavo vivendo o se, al contrario, il benessere sia stata una conseguenza della consapevolezza. Forse non c’è stato un prima e un dopo. Forse le due cose erano un tutt’uno.
Ada Balacco

Andare e tornare dal nostro punto d’equilibrio, imparare quest’arte, affinarla così bene da muoversi con delicatezza, con la grazia della danzatrice: anche la pratica dello yoga potrebbe rivelarsi una strada per questa esperienza. Accogliere la sicurezza e la quiete del radicamento ed allo stesso modo accogliere la sorpresa e la paura dell’instabilità, significa forse accogliere la vita con i suoi alti e bassi, con i momenti di bonaccia ed i momenti di tempeste e dolori. Significa accogliere la vita nelle le sue stagioni e nelle sue evoluzioni, nella passione della primavera e nel riposo dell’inverno, nel timore dell’incertezza della morte e nell’incanto d’essere vivi.
La pratica dello yoga può allora insegnarci anche ad accettare e rispettare i momenti, sempre differenti, che viviamo. E, soprattutto, ad accettare la vita, ognuna diversa, ognuna degno di rispetto, che ci è stata donata.
Daniela Lovascio